Archivi tag: Fantascienza

Blade Runner 2049: epica maestosità replicante

Il futuro di Blade Runner è oggi. Siamo ormai molto vicini a quel 2019 descritto nel capolavoro di Ridley Scott e arriva domani al cinema il sequel del famosissimo film del 1982. Diretto questa volta da Denis Villeneuve, ma prodotto da Ridley Scott, si sposta trent’anni dopo la storia di Rick Deckard (Harrison Ford) esasperando ancor di più la visione disincantata e volutamente tetra del primo capitolo. Continua a leggere Blade Runner 2049: epica maestosità replicante

Star Trek Discovery: il Trailer della nuova serie

In autunno arriva  Star Trek Discovery: ideata da Bryan Fuller e Alex Kurtzman con la supervisione di Nicholas Meyer come consulente creativo. Tra i produttori esecutivi Rod Roddenberry, figlio di Gene Roddenberry.

Per quanto riguarda la timeline sappiamo che sarà  ambientata 10 anni prima della serie classica di Star Trek. L’universo sarà dunque quello originale e non quello creato da J.J.Abrams.

Realizzata per la CBS All Access si tratta della sesta serie a episodi di Star Trek.

Transformers 5: vorticoso valzer robotico

Inutile nasconderlo: Transformers 5 non ci ha convinti. L’Ultimo Cavaliere è un film che, come i suoi protagonisti, si avviluppa su se stesso. Caos, eccessivi sub-plot e una superficiale soluzione nello spiegare i creatori dei Transformers tradiscono le aspettative  del precedente episodio che in modo netto cercava di allargare l’universo robotico creato da Bay. Continua a leggere Transformers 5: vorticoso valzer robotico

Alien Covenant: la caduta degli Dei

Il mio nome è Ozymandias, re di tutti i re,
Ammirate, Voi Potenti, la mia opera e disperate!
Null’altro rimane. Intorno alle rovine di quel rudere colossale, spoglie sterminate..“.

Questo breve estratto dal sonetto di Percy Bysshe Shelley del 1818 ci fornisce un adeguato tracciato nell’analisi dell’ultima fatica di Ridley Scott, Alien: Covenant.

Il film è un sequel di Prometheus ma non si riaggancia al primo Alien. Questo secondo capitolo si poggia su una tematica cardine: la caduta di ogni sorta di divinità di fronte al potere e al libero arbitrio dell’intelletto. La creazione non è più quel mistero filosofico avvolto nell’oscurità ma è l’atto che sancisce l’affermazione di una superiorità di specie. Continua a leggere Alien Covenant: la caduta degli Dei

Alien: Covenant, il prologo che fa da collegamento con Prometheus

L’11 maggio uscirà nelle sale italiane Alien: Covenant sequel di Prometheus. Ecco il prologo di due minuti che ci svela cosa accaduto a Elisabeth e David. I due erano partiti alla ricerca del pianeta natale degli Ingegneri.

Nella pellicola torneranno i famosi e terribili Xenomorfi e una nuova razza… i Neomorfi.

Life – Non oltrepassare il limite

Siamo ormai nell’era dei film spaziali 2.0. Niente più gravità artificiale, astronavi che viaggiano tra le stelle o mondi sconosciuti: oggi c’è solo lo spazio, il silenzio e le difficoltà di una vita innaturale dove l’unica cosa che conta è la sopravvivenza.

Tutto questo è Life – Non oltrepassare il limite, diretto da Daniel Espinosa, in uscita oggi al cinema. Continua a leggere Life – Non oltrepassare il limite

Rogue One: è di nuovo Star Wars

rogue-one-a-star-wars-story-official-hi-res-hd-imagesNon tutti gli eroi fanno rumore.

Rogue One  è una storia sul coraggio.  Gareth Edwards dirige quello che può essere considerato a tutti gli effetti come il prequel del leggendario Episodio IV – Una nuova speranza, girato nel lontano 1977.  Rispettoso dei canoni ma forse meno coraggioso del recente Episodio VII, sicuramente ben contestualizzato all’interno dell’universo creato da George Lucas.

La storia ruota intorno ad una minaccia incombente chiamata la Morte Nera e al gruppo di ribelli che riusciranno a rubarne gli schemi tecnici. Una storia che getta un ponte tra la trilogia prequel e quella originale nel pieno spirito di Star Wars.

Azione, divertimento e una fotografica particolarmente ricca e dettagliata ne fanno un prodotto migliore rispetto al progetto della trilogia sequel (atteso per quest’anno Episodio VIII) ma certamente meno innovativo. Il punto di forza di questo film sta nella sua semplicità, meno complesso e cervellotico e più pratico: un tributo alla fantascienza nel suo senso più classico e popolare. Un esempio di azione e di puro intrattenimento “galattico”.

Unica pecca per gli spettatori italiani i nomi dei personaggi conosciuti. Dart Fener sembra ormai aver ceduto il passo all’originale (in America) Darth Vader.