Humandroid: l’energia immortale della coscienza

humandroid_graffiti_event_londraUna personalità magnetica non può essere annientata, il suo istinto e il suo diritto all’esistenza non potranno essere fermati.

Humandroid scritto e diretto da Neill Blomkamp, dal 9 aprile nelle sale, è la storia del droide Chappie. Un’intelligenza artificiale creata non soltanto per difendere ma e sopratutto per evolversi e migliorarsi. Tutto questo mentre il governo chiede solo dei robot per la sicurezza, degli automi senz’anima. La lotta per l’indipendenza e la sopravvivenza di Chappie sconvolgerà tutto e tutti.

Interpretato da Hugh Jackman (Vincent Moore) nell’insolito ruolo del cattivo, Sigourney Weaver (Michelle Bradley) e da Dev Patel (Deon Wilson) il film pone all’attenzione una tematica molto delicata: esiste un modo per non soffocare un sogno, una personalità, di fronte ad interessi strategici e politici? Ambientato interamente nella città di Johannesburg la vicenda si pone a metafora della vita umana, del lavoro e del tentativo di rendere la società più conforme.

In questo contesto il pensiero autonomo di Chappie è visto come una minaccia ad un ordine precostituito: questi automi con compiti di sicurezza devono essere totalmente al servizio del sistema, una propria evoluzione non è prevista. Inclinazioni, gusti e paure non sono ammesse.

Inevitabile in questi tempi difficili di precarietà esistenziale e lavorativa l’immedesimazione con Chappie.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...