Venezuela – Prove di rivolta generale

20140214-170307.jpgA meno di un anno dalla morte di Chavez, il clima politico in Venezuela sta raggiungendo livelli da guerra civile. Durante una manifestazione dell’opposizione, organizzata lo scorso mercoledì a Caracas per chiedere la liberazione di alcuni studenti imprigionati, sono comparsi dal nulla degli uomini in motocicletta che hanno iniziato a sparare sulla folla. Nell’assalto sono morte due persone e il panico generale che è seguito ha causato la morte di una terza persona, più il ferimento di almeno altre dieci. E mentre presidente Maduro prometteva di punire al più presto i colpevoli, il suo governo iniziava già a fare le sue mosse per contenere una protesta che lo sta minacciando come non succedeva da molto tempo.

Gli incidenti di Caracas non sono un fulmine a ciel sereno, ma seguono una lunga depressione economica di cui si aveva già sentore nell’ultimo periodo di Chavez. La popolazione però ha iniziato a sentirne le conseguenze dopo l’avvento al potere del poco carismatico delfino di Chavez, Nicolas Maduro, che ha vinto le presidenziali con nemmeno 250.000 voti di scarto rispetto al rivale Henrique Capriles del partito Primero Justicia.
Da allora il paese ha incontrato crescenti difficoltà a frenare un’inflazione che nel 2013 è arrivata a toccare quota 56.2%, rendendo più difficile pagare le importazioni di beni e servizi che hanno lasciato molti negozi privi di articoli come latte o carta igienica. Questa drammatica situazione ha inevitabilmente favorito il proliferare di una criminalità che era già tra i livelli più alti al mondo e adesso, in mancanza di una forte leadership politica come quella del defunto Chavez, si presenta in modo molto più acuto del passato.
La crescente insofferenza ha spinto la popolazione a scendere sempre più spesso in piazza, com’è successo alcune settimane fa nelle regioni occidentali di Merida e Tachira, dove gli studenti hanno chiesto a gran voce le dimissioni di Maduro. Sarebbe proprio l’arresto di alcuni di loro ad aver mobilitato le migliaia di persone che mercoledì hanno marciato a Caracas, in direzione del pubblico ministero Luisa Ortega per chiedere la loro liberazione. Dopodiché è scoppiato il caos.
L’opposizione guidata da Capriles e il sindaco di Caracas Antonio Ledezma invita i manifestanti a proseguire la lotta con calma e determinazione. Ledezma in particolare, che è stato finalista del concorso World Mayor 2010 che premia i migliori sondaci al mondo, avverte direttamente il presidente sul fatto che “qualunque cosa farai, quello che è cominciato oggi non si fermerà finché non ci sarà cambiamento attraverso la pace e la democrazia”.
Di sicuro neanche Maduro, che dallo scorso novembre ha visto un ulteriore rafforzamento dei propri poteri con la possibilità di legiferare un anno per decreto, è stato con le mani in mano. Per prima cosa se l’è presa con i media “che fanno campagna contro il governo” trasmettendo le immagini della protesta. Una delle prime vittime della repressione è stato il network spagnolo NTN24, che essendosi rifiutato di obbedire alle direttive è stato subito rimosso dai canali via cavo e satellitari. Quindi ha chiesto l’arresto del leader centrista Leopoldo Lopez con l’accusa di essere uno dei responsabili degli scontri di mercoledì, ventilando anche la possibilità di escluderlo a vita dai pubblici uffici. Ma il braccio di ferro tra lui e quello che si profila come il nuovo Venezuela è appena cominciato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...