Universi a confronto, Alien e Aliens: l’analisi

Alien3DRidleyScottparladeidueprequelVi immaginate cosa abbia comportato la realizzazione di un film di fantascienza nel 1979? Alien per Ridley Scott non ha rappresentato solo uno dei momenti più alti della sua creatività cinematografica ma una sfida tecnico pratica contro i forti limiti tecnologici della Hollywood dell’epoca. Alien e 7 anni dopo Aliens (regia di James Cameron) vengono considerati da tutti i critici non soltanto i migliori film della serie ma soprattutto uno il sequel dell’altro…ma ne siamo certi?

Analiziamo con calma tutte le componenti e confrontiamole.

Dando per assodato la conoscenza delle trame e della grande qualità dei due registi (è possibile infatti leggere su questo blog alcuni articoli dedicati a Scott e Cameron) partiamo dalla mitologia di riferimento: Alien nella sua ambientazione surreale e dispersiva, costruita su un alternanza di spazi angusti ed esageratamente aperti quasi al limite di una agorafobia (una paura spasmodica per gli spazi eccessivamente aperti e affollati) è parte di qualcosa di più grande.
La trama infatti presuppone l’appartenenza ad una mitologia vasta, che può spingersi fino alla ricerca di un’ancestrale domanda sull’origine della vita nell’universo, che Scott, a settembre, ci rivelerà nel film Prometheus.
L’alieno, inoltre, non è altro che un’ immensa metafora del male che nasce dentro di noi, è sfuggente a tratti quasi paranormale immerso in una nube di ombre e di terrore. E’ la storia del mostro inconscio che vive in ognuno di noi.. Insomma un film che all’epoca non aveva certo le connotazioni del film commerciale, lontano dalla moda dell’action-movie che negli anni a venire si sarebbe insediata tra le scrivanie dei dirigenti Hollywoodiani.

Nel 1986 un’intuizione di James Cameron si rivelò vincente: dare ad Alien una connotazione più “cinematograficamente” avvincente, concretizzando e arricchendo il surreale universo di Scott con “pistole e fucili”. Nacque Aliens. Allo spazio infinito si sostituì una claustrofobica visione del male, nascosto nel nido, figlio di una madre senza scrupoli (la regina) innestato in una fredda, quanto razionale, dimensione. La realtà sarà ora dominata da macchine e uomini forse più spaventosi degli alieni stessi.

A Cameron non interessa l’origine dell’astronave pilotata dallo Space Jokey ma è sua intenzione dare al male una connotazione più concreta, materiale, assolutamente “terrena”, senza mitologie di sorta.
L’individualismo e il senso di smarrimento di Aliens arricchiti dalla lucida e sistematica (quasi robotica) visione dell’universo ne fanno un’ottima seconda versione. Aliens può essere considerato, da questo punto di vista, un ottimo remake mascherato, per ragioni commerciali, da sequel. Alla stagione dei grandi ideali si sostituisce il concetto di super uomo (in questo caso super donna simbolo dell’emancipazione ai massimi livelli) tipico di quegli anni. La stessa protagonista è una seconda versione di se stessa: se in Alien Ellen Ripley è una donna che alla fine fugge, cerca di salvare se stessa dal mostro; in Aliens è lei la cacciatrice, mossa da uno spirito di vendetta ma soprattutto da una “rinascita stilistica” del suo personaggio all’interno della storia.

E gli Xenomorfi? Scott e Cameron convergono nella rappresentazione di questa specie: un perfetto organismo, non offuscato da coscienza o moralità, una perfetta macchina da guerra. Cameron nè da una precisa delineazione insettoide mentre Scott, all’origine, sembrava orientato a dare agli alieni una connotazione più umana, più intelligente.

Sebbene un giudizio positivo accompagni queste due pellicole, con una grande aspettativa disattesa per il “prequel” Prometheus, è indubbia invece l’inferiorità degli episodi successivi che hanno affossato un grandioso franchise.

In conclusione come non ricordare il premio Oscar Carlo Rambaldi scomparso il 10 agosto 2012: era noto in tutto il mondo per aver realizzato alcune delle creature più famose del cinema degli anni settanta e ottanta del secolo scorso. Da E.T. a King Kong (1976) e appunto la creatura di Alien.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...