Iron Men 3: è l’uomo che fa l’armatura

images (1)E’ l’armatura che fa l’uomo o è l’uomo che fa la sua armatura…? Questo è quello che scoprirà Tony Stark in Iron Man 3. A pochi giorni dall’uscita del secondo capitolo di Capitan America (26 marzo) scopriamo i segreti di uno dei film Marvel di maggior successo.
Qualche tempo dopo i fatti accaduti in Iron Man 2 e The Avengers, Tony Stark è ormai un uomo segnato da continui attacchi di panico, non più totalmente sicuro di se.

A questo terribile guaio si aggiunge un rapporto con l’amata Pepper non più idilliaco e segnato dal lavoro di Tony, ora più che mai una fuga dai traumi subiti dopo i fatti di New York, che non gli consente mai attimi di tranquillità. Ma non è tutto: all’orizzonte spunterà una grande minaccia, un nuovo, terribile e micidiale nemico, il Mandarino.

Questo super terrorista colpisce all’improvviso e distrugge tutto il mondo di Stark in pochissimi secondi. Il nostro eroe dovrà dunque ritrovare in fretta se stesso per poter affrontare la battaglia finale e salvare Pepper da morte certa…

Sembra che ultimamente sulle gradi saghe ci si stia impegnando di più e questa nuova tendenza ci regala infatti un film di buon valore, in cui assistiamo ad un crescendo di intensità e la storia ha quel tocco di qualità in più rispetto alle precedenti “puntate” Marvel.
Il personaggio di Stark si è evoluto, si è inspessito, è insomma cresciuto. Non più soltanto lo spaccone senza preoccupazione e misantropo, ma un uomo che cerca di trovare in se stesso la forza che sembra mancargli.

Figurativamente il nuovo regista Shane Black, che sostituisce Jon Favreau (che ne rimane produttore ed interprete nel ruolo di Happy Hogan), lo presenta un po’ come una farfalla che si sveglia alla luce e abbandona il suo bozzolo: l’armatura.

Quel senso di protezione che la sua corazza forniva nei film precedenti sarà qui illuminata da una luce di fragilità che ci farà riscoprire il Tony Stark uomo senza l’invulnerabilità materiale della struttura da lui creata. La forza per sconfiggere il male, quella dell’animo, sarà la sua unica arma.

Un’energia e una potenza emanate dal di dentro che rappresenteranno e che di fatto sostituiranno l’armatura, in questa occasione, resa più debole di lui a tal punto da non riuscire a proteggerlo dalle sue responsabilità. Questa volta sarà solo, dovrà mettersi in gioco del tutto, senza poter contare sulla sua
preziosa tecnologia.

Cosa scoprirà? Che un uomo che dentro non abbia un’anima non potrà mai essere realmente invincibile e che solo questa grandezza interiore renderà la sua armatura forte, compatta e pronta a vincere.
Questa la forza di un film che il regista ha impostato carico di colpi di scena. Tony Stark affronterà la sfida più difficile contro se stesso e i limiti della sua umanità, si incamminerà in un
verosimile percorso articolato e pericoloso che lo condurrà a scoprire che il vero Iron Man è dentro di lui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...