L’Oscurità della Luce: Wes Craven e Jonh Carpenter

craven«Facciamo i conti con la paura tutti i giorni, da quando nasciamo a quando moriamo. Ho avuto molte paure nella mia vita. Ne ho avuta tanta quando è morto mio padre e io avevo solo sei anni. Ora sono anziano, le uniche paure che mi rimangono sono quelle della malattia, per me e per i miei figli.» Wes Craven.

Se normalmente si è abituati a pensare che i registi dei film horror appartengano ad una categoria di film di serie B e che dietro ai loro immaginari non ci sia un’attenta e accurata riflessione ci si sbaglia di grosso. Questo articolo si concentrerà nello specifico su due figure di spicco nel mosaico infinito del genere horror Wes Craven e Jonh Carpenter.
Figli entrambi del cinema americano e attivi da moltissimo tempo presentano, seppur in contesti filmici simili, notevoli differenze stilistiche.

Il primo coglie ispirazione da un grande scrittore e regista svedese: Ingmar Bergman; il secondo è invece attratto dalle tecniche minimaliste e da colonne sonore che risultano essere “personaggio”.

I film presi in esame saranno principalmente due: Nightmare- Dal profondo della notte di Craven e Halloween di Carpenter. E’ necessaria tuttavia una precisazione che riguarda soprattutto la concezione basilare di diegesi “oscura”: per il regista di Nightmare il concetto di orrore si collega alle nostre vite quotidiane, a ciò che viviamo giorno per giorno, collegandosi in modo diretto con la concezione Hitchcockiana che colpisce lo spettatore in modo assolutamente inaspettato. Per Carpenter invece la concezione di terrore è frutto di un’accurata ricerca nella fantascienza più classica, strizzando l’occhio a registi come Howard Hawks, Jack Arnold e Fred McLeod Wilcox. Nel suo stile la colonna musica (i rumori e i suoni della realtà e non la colonna sonora come invece si pensa) è la porta per un mondo fatto di luci piene di oscurità sfuggente e penetrante.

carpenterSe per la creazione del personaggio di Freddy Kruger Craven si ispirò ad una storia vera, incredibilmente Michael Myers è figlio di un italiano,Dario Argento, che il regista apprezzava soprattutto nell’uso di suoni e musica. Il noto direttore artistico italiano fu per Carpenter quello che Hitchcock fu per Craven.
Ciò ricade inevitabilmente sulle atmosfere che risultano più marcate in Carpenter, più approfondite, più interiorizzate e l’elemento ad essere sacrificato è quello ricavato dall’effetto sorpresa: Michael Myers e la sua storia sono immediatamente spiegati e rivelati, Freddy Kruger invece rimane nell’ombra e in una specie di oblio per quasi tutto il film, è una presenza che improvvisamente compare terrorizzando lo spettatore.

myersLe atmosfere Carpenteriane sono più lente, è un terrore che avvolge lo spettatore pian piano, in un continuo crescendo fino all’apice finale, che di solito è caratterizzato dallo scontro frontale tra bene e male, tra luce e oscurità. Wes Craven, anche nel suo più attuale Scream, sembra a volte parodizzare il genere e lo scontro finale quasi mai rappresenta l’ apice della tensione filmica ma più una risoluzione tematica, il finale di Craven è sempre definito e auto conclusivo, quello di Carpenter è sempre aperto e misterioso.

E’ l’il punto filmico di maggior tensione dove alla luce ormai rivelata si riaffaccia immediatamente il male, l’oscurità, un esempio eclatante è nel suo ultimo film The Ward (Il Reparto).
Dunque è evidente che la macchina del terrore ha varie facce e che entrambi utilizzano i due mondi possibili: quello onirico e quello composto da abitudini, stili e dinamiche quotidiane riorganizzate in chiave agghiacciante. Ed il pubblico, che ama spaventarsi perché è la cosa più distante che c’è rispetto alla concezione di un mondo che ci protegge fintamente da ogni genere di “male”, apprezza il loro lavoro e i loro spaventosi immaginari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...