Nigeria – Il pugno di ferro contro gli omosessuali

20140115-123014.jpgEssere gay in Nigeria è diventato molto, molto più difficile. Basta avere una relazione con un’altra persona dello stesso sesso per beccarsi 14 anni di carcere. Sono queste ed altre le condizioni previste nella nuova e controversa legge firmata qualche giorno fa (ma diffusa solo oggi) dal presidente nigeriano Goodluck Jonathan, secondo cui essa è “il linea con le inclinazioni culturali e religiose della gente”. Ma nel resto del mondo sono in molti a lanciare il grido d’allarme.
Le associazioni dei diritti umani tra cui Amnesty International o Human Rights Watch parlano già di grave violazione delle libertà personali. Questo perché ad essere sanzionabile non è solo il fatto di avere una relazione gay, ma anche frequentare locali, organizzare incontri o parlare di una tematica divenuta di fatto un tabù. Addirittura se una coppia gay sposata regolarmente all’estero dovesse scegliere di entrare in Nigeria, si ritroverebbe automaticamente annullato il proprio matrimonio.
Secondo le ONG questo clima di sospetto – una bozza della suddetta legge prevedeva anche un articolo, poi rimosso, che obbligava a denunciare alle autorità gli omosessuali – rischierebbe inoltre di favorire la proliferazione di malattie sessualmente trasmissibili come l’HIV, in quanto i gay arriverebbero ad evitare gli ospedali per ricevere cure che li farebbero ‘riconoscere’ e quindi arrestare.
Sulla questione è intervenuto anche il segretario di Stato americano John Kerry, che definisce la legge contro la stessa Costituzione nigeriana del 1999 e gli impegni internazionali sottoscritti da Abuja. Ma le poche associazioni gay che hanno provato ad alzare la testa contro la miopia della politica sono state subito messe a tacere o umiliate.
La posizione radicale della Nigeria in materia omosessuale purtroppo non stupisce, vista anche la feroce violenza interreligiosa tra la maggioranza cristiana al sud e i fondamentalisti islamici del Boko Haram al Nord. Ma non è neppure così isolata nel resto del continente, dove a parte le notabili eccezioni di Sudafrica, Ciad, Mali, Niger, Repubblica Centrafricana e la Repubblica Democratica del Congo, in quasi in tutti i paesi la legislazione è apertamente contro i diritti gay.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...