Libia – Un paese in via d’estinzione

LibiaA Sirte, teatro della battaglia finale e delle ultime ore del colonnello Gheddafi, un gruppo di uomini armati ha ucciso ieri al viceministro dell’industria Hassan al-Droui, mentre si trovava in un mercato della città. È il primo omicidio che coinvolge direttamente le istituzioni, sempre che si possano definire come tali in una Libia dove la prima parola spetta quasi sempre ai fucili delle milizie.

La morte di al-Droui non è purtroppo l’unico fatto di sangue di questi giorni. Sabato ad esempio uno scontro tra tribù rivali nella città meridionale di Sahba aveva provocato una ventina di morti, il bilancio più grave da quando i vari clan avevano siglato tra loro una tregua poco dopo la fine della guerra civile. In realtà considerando gli equilibri in campo, qualsiasi accordo è destinato comunque a rimanere lettera morta. Primo perché la zona a più alta concentrazione di tribù, ossia il sud desertico, è terra di traffici di ogni tipo (droga, armi e persino esseri umani) che provocano una concorrenza spietata. A questo va aggiunto uno Stato sull’orlo della disintegrazione e completamente incapace di farsi rispettare, figuriamoci mantenere l’ordine. La prova più eclatante in questo senso c’è stata lo scorso ottobre con il sequestro lampo del premier Ali Zeidan, orchestrato da una delle tante milizie che dopo aver sotterrato l’ascia di guerra contro il Colonnello non hanno tardato a riscagliarla per tenere sotto scacco il nuovo governo. 

Nel frattempo in questi giorni è arrivato in Italia il primo contingente di soldati libici da addestrare per migliorare le loro capacità di vigilanza per i crescenti flussi migratori. Il programma che coinvolgerà in tutto duemila soldati fa parte di accordo concordato al G8 tenutosi lo scorso giugno a Lough Erne, nell’Irlanda del Nord. Assieme all’Italia sono coinvolti anche il Regno Unito, la Francia e gli Stati Uniti che nei prossimi mesi dovrebbero formare un contingente pari a circa diecimila uomini pronti a fermare gli immigrati. Per l’Occidente la priorità sembra insomma la sorveglianza delle coste, tenendo alla larga un collasso politico che pur essendo il problema cruciale non interessa quasi a nessuno. 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...